di Stanley Kubrick
Con Keir Dullea, Gary Lockwood, William Sylvester
Durata 140 minuti
Anno 1968
Genere Fantascienza

Alle origini dell'uomo, quando le scimmie erano ancora scimmie, un misterioso monolito compare sulla Terra. La sua presenza attiva l'intelligenza dei primati che comprendono l'uso delle ossa degli animali uccisi quali prolungamenti delle loro braccia.... Con questo film nasce Stanley Kubrick, il genio puntiglioso, l’ingegnere filosofo del cinema, il regista imponente, austero e terribile per definizione, e assieme a lui il blockbuster d’autore, il film da festival sorretto da un impianto degno di un incasso grandissimo: musiche di Ligeti e un finale di pura sperimentazione visiva e narrativa in un’opera per tutti.
2001: Odissea Nello Spazio è il cinema che si allarga un altro po’ per comprendere e raccontare storie più grandi ancora, in esso si percepisce lo sforzo necessario per rappresentare l’assoluto, il metafisico, lo sconosciuto. Antesignano di praticamente tutto quel che è stato fatto in materia di fantascienza e cinema d’autore ambizioso, è il padre (anche) dei film di fantascienza più ambiziosi di oggi, che rifiutano un nemico e lavorano sul concetto di esplorazione, sopravvivenza e conoscenza (Gravity, Interstellar, Arrival).



GIORNI E ORARI

TOP